http://www.frasicelebri.it/citazioni-e-aforismi/frasi/carpe-diem/

Archivio Voce

guardare con il cuore_canali_web_dale_zaccaria

INDICE ARCHIVIO VOCE

testi e voce di Dale Zaccaria
letture di altri autori di Dale Zaccaria
alcuni testi sono arricchiti da collaborazioni o sinergie musicali.

 

Inedito per una passante nuova edizione(2015)

– F
– I fiori non mentono
– Quando muore la persona che ami

Nel suo amore (2014)

– Diciotto stelle le contarono

Favole per tutti i bambini che sono fiori (2013-2015)

– La città dei fiori

L’Anima e la notte della poesia ed altri versi (2012-2015)

– Canzone per un bambino zingaro
– Madres de Plaza de Mayo
– I poeti
– Il giardino segreto del tuo corpo
– PPP
– Punto Fermo
– Sedici
– Wedding

Inedito per una passante ( 2008)

– Ascoltami amore
– A Dino Campana
– Canto per Malalai Joya
– I fiocchi di neve
– Io ti vorrei così ragazza
– Io t’amo
– L’aria la bocca ferma che tu sei
– La sera delle peonie (solo voce)
– La sera delle peonie (musica composta da Mariano Pelliccia)
– Le fiammelle e le stelle
– Le nuvole
– Le Ombre
– Il silenzio (solo voce)
– Il silenzio feat Paoletto Castro Radio Due (voce e musica)
– Il silenzio feat Michele Salvaneschi piano Sylvan Chaveux (voce e musica)
– Non i fiori ma le rose solo voce
– Non i fiori ma le rose solo musica (musica composta da Rodrigo Martin Munuera)


Di Ridicola Bellezza (2004)

– La Fuga feat Mara Miccihé

Interviste e Radio

– Intervista Radio Kemonia
– Intervista Radio Onda D’urto
– Reset Poesia
– Radio Bari Punto Cult

Letture

– Cesare Pavese Dalla Terra e La morte
– Cesare Pavese & Chet Baker
– Dino Campana In un momento (solo voce)
– Dino Campana In un momento (voce e musica)
– Pier Paolo Pasolini Il genocidio

– Musica Voce Canto

Alessandra Carmen Rocco
Dimmi di Egidio Pucci

Pensiero Attivo

“Il difficile non è scriverla la poesia, quanto trovarla, mantenerla, farla vivere nei propri occhi, nel proprio cuore, nella propria vita”. Dale Zaccaria

“L’oppressore non sarebbe così potente se non trovasse fedeli collaboratrici tra le oppresse”. Simone de Beauvoir